FUNZIONAMENTO DEL CLIMATIZZATORE CON POMPA DI CALORE

21-11-2012

 

In base al funzionamento del climatizzatore in fase di riscaldamento, l’uso di questo apparecchio permette che l’energia termica “utile” sia sempre superiore a quella
assorbita dalla rete di alimentazione. In poche parole, si fornisce all’ambiente da riscaldare un quantitativo di energia termica pari a quella prelevata dall’esterno
(del tutto gratuita) sommata a quella necessaria per far funzionare il compressore.
Il coeffi ciente di effi cacia del climatizzatore viene così calcolato:

Nelle normali condizioni di funzionamento questo rapporto è sempre maggiore ad 1. Si ha quindi un vantaggio economico, che è tanto maggiore
quanto è più grande il COP. Questo valore non è costante ma variabile in funzione della temperatura dell’aria esterna: più questa è alta
maggiore è il COP, più è bassa più basso è il COP. In linea generale, perché il climatizzatore abbia una buona resa in fase di riscaldamento, è necessario che la
temperatura esterna non scenda al di sotto dei 6-7°C. Rispettando questa condizione le apparecchiature attualmente sul mercato hanno un valore
di COP mediamente compreso tra 2,5 e 3,5. Tal valore varia molto rispetto alla zona climatica dove il climatizzatore lavora: sarà maggiore nell’Italia meridionale e nelle isole, minore nell’Italia settentrionale.

CONVIENE?

Se per riscaldare un ambiente utilizziamo una stufetta elettrica, un radiatore a olio o un termoventilatore, è necessario prelevare dalla rete di alimentazione l’esatta quantità di energia utile per il riscaldamento, per esempio 2000W. È però possibile ottenere lo stesso risultato utilizzando un climatizzatore con pompa di calore. Se supponiamo che il climatizzatore lavori con un COP pari a 3, per ottenere la stessa quantità di calore si dovrà prelevare solo il 33% di energia elettrica in quanto il rimanente 67% verrà preso direttamente dall’ambiente esterno. Se ne ricava che con la stessa resa si potrà risparmiare fino al 67% rispetto al sistema
tradizionale. Nelle abitazioni in costruzione o in quelle che devono essere completamente ristrutturate potrebbe essere utile prevedere l’installazione di un
climatizzatore con pompa di calore. Questo signifi ca dire al proprio installatore di eseguire la predisposizione così da poterlo installare subito od in
un secondo tempo. Al fi ne di fornire comunque un’indicazione, anche se di massima, si può dire che un impegno di potenza elettrica installata di 3kW può essere
suffi ciente a soddisfare le esigenze di riscaldamento e raffrescamento di un appartamento avente le seguenti caratteristiche. 1 sia ubicato in un condominio, ad
un piano intermedio in una località sul livello del mare; 2 abbia una superfi cie totale di non più di 80 m2 in una zona dell’Italia settentrionale esposta ad ovest;
• oppure abbia una superficie di 100 m2 e sia ubicato in una zona dell’Italia centrale esposto a est o ovest; • oppure abbia una superficie di 120 m2 e sia ubicato in una zona dell’Italia meridionale o isole esposto a nord, est, ovest. Da ciò si nota come le condizioni climatiche del luogo in cui viene istallato un climatizzatore possono far variare il tipo di installazione e la scelta del prodotto. Inoltre i possessori di un appartamento che usufruiscono di un contratto
di 3kW possono richiedere agli erogatori di energia elettrica (es. ENEL ...) una fornitura a parte dedicata all’alimentazione del solo climatizzatore con pompa di calore,
venendo così a godere di tutti i benefici che ne conseguono. 


Merola Elettroforniture di Merola Valentina e C. Sas

Sede principale
Combattenti Alleati d'Europa
45100 Rovigo
Telefono: +39 0425 475166
Fax: +39 0425 475181
E-mail: info@elettromerola.it
N. Reg. imprese/P.iva: 01310260292
Elettromerola Point
via dell’Ippodromo, 12
45100 Rovigo
Telefono: +39 0425 31759
E-mail: merolapoint@elettromerola.it

Filiale di Copparo
via G. Verdi, 8
44034 Copparo (FE)
Tel e fax +39 0532 860162
Orari di apertura
dal Lunedì al Venerdì
dalle 08:30 alle 12:30
dalle 15:00 alle 19:00
Sabato dalle 09:00 alle 12:30